I Medicei cedono contro la corazzata Rovigo

Due mete di Boccardo non bastano a contenere la fisicità dei rodigini

Firenze, I Medicei Firenze, Foto Leonardo Bianchi/IPP-02/12/2017

Firenze – Nell’ottava di Eccellenza il FEMI-CZ Rovigo si è imposto al Ruffino Stadium battendo la Toscana Aeroporti I Medicei in un match caratterizzato dall’intensità nello scontro fisico e da una costante e dispendiosa prova di forza tra i due pack. Il 18 a 31 finale nella sua evoluzione è stato il riflesso del confronto tra le due mischie che ha caratterizzato tutta la partita. Un testa a testa serrato sia nel gioco chiuso che aperto di grande intensità fisica che ha inciso anche sulla dinamicità del match risultato in gran parte contratto e statico, complici anche delle situazioni di appannamento risultate non chiare alla luce dell’interpretazione arbitrale.

I gigliati, incisivi a fasi alterne sugli avanti, hanno saputo comunque rispondere con un’ottima azione di interdizione sui palloni conquistati nelle fonti di gioco dagli avversari. Pressione e cura nella fase difensiva nel gioco aperto con una particolare attenzione al fuorigioco hanno permesso loro di contenere in parte il rullo compressore rodigino e di rispondere con due mete in contropiede – entrambe segnate da un onnipresente Boccardo – ai tentativi di prendere il largo da parte del XV di McDonnell e Casellato. Nel finale ne è risultato un gap nel punteggio più che onorevole per la squadra di Presutti e Basson in considerazione anche del valore e del blasone dell’avversaria. Le note positive medicee sono venute da una buona fase difensiva e dalla capacità di concretizzare ogni occasione disponibile in attacco.

LA CRONACA

Si parte subito con gran ritmo. Una pericolosa iniziativa di Cioffi chiama la difesa medicea ad un lavoro intenso per la liberazione di Newton. Rovigo continua a spingere e costringe al fuorigioco la difesa dei toscani. Al 3’ Mantelli, da posizione favorevole non cerca i pali e va a sfidare i padroni di casa con un penaltouch sui 5 m. Rovigo manovra bene ma la difesa non cede ed anzi forza l’errore. Al 5’ si gioca la prima mischia, ancora sui 5 m toscani. Medicei un po’ in difficoltà ma la difesa sembra tenere. È un’invenzione di Mantelli a creare il corridoio per Majstorovic che al 7’, con la trasformazione dello stesso Mantelli porta allo 0 a 7. Neanche il tempo di ripartire che ancora Mantelli è incerto su una trasmissione. Basson non perdona, ruba ed apre il gioco fino a Boccardo che al 9’ va a schiacciare. Newton non trova i pali, 5 a 7. Rovigo riparte a testa bassa e appoggiandosi al lavoro del proprio pacchetto ottiene due calci che fanno richiamare I Medicei ad una maggior disciplina. Tanti punti d’incontro, con un superlavoro della difesa che però viene colta in fuorigioco. È ancora mischia, nella quale Rovigo stavolta non riesce a prevalere ed è anzi costretto all’in avanti per l’entusiasmo del folto pubblico, mentre siamo entrati nel secondo quarto di gioco. La mischia medicea inizia a farsi valere ed allontana ma, quando Firenze sembrava aver trovato le contromosse, una buona combinazione lancia Odiete in meta alla bandierina. Mantelli trova una non facile trasformazione per il 5 a 14, al 24’. I Medicei vanno a sfidare nel proprio campo Rovigo che, con il lavoro del proprio pacchetto, riesce a risolvere i problemi. È ottima la pressione biancoargentorossa, che forza l’errore dei rodigini. Al 31’ i toscani riescono a fare fasi e costringono la difesa al fallo. Dal centro dei 22 Newton porta il punteggio sull’8 a 14, sempre sotto il gran sostegno dell’appassionato pubblico fiorentino. Lo scontro è aspro sui punti d’incontro e gli ospiti riescono a mantenere il possesso appoggiandosi al proprio pacchetto. Siamo quasi in chiusura di tempo e Rovigo, con un veloce cambio di fronte, trova sguarnita la difesa sul lato sinistro e va a segnare con Cioffi. Mantelli trasforma per l’8 a 21 che chiude un primo tempo nel quale il pacchetto rodigino ha davvero risolto molti problemi.

Il secondo tempo si apre con una mischia, dopo che un in avanti ha interrotto l’offensiva medicea, e Rovigo ne approfitta per portarsi subito avanti. Un fallo de I Medicei viene mutato in mischia al 3’, sui 5 m dei toscani. Il lavoro del pacchetto rossoblu, ancora una volta, è vincente e arriva la quarta meta, di punizione, per l’8 a 28. Nemmeno il tempo di festeggiare che Boccardo gela l’entusiasmo degli ospiti mettendo pressione su Mantelli e andando a schiacciare vicino ai pali. Newton trasforma per il 15 a 28. I Medicei ora ci credono, sospinti dal pubblico vanno a giocare nei 5 m ospiti e mettono alle corde i rossoblu. La situazione è molto favorevole ma il guardalinee entra inopinatamente in campo e costringe l’arbitro a fermare il gioco, una situazione sinceramente mai vista. I Medicei restano in attacco e Montauriol sembra riuscire a schiacciare ma l’arbitro aveva interrotto il gioco per un in avanti. I toscani attaccano ancora e costringono al fallo i rodigini. Al 60’ Newton accorcia sul 18 a 28’. Rovigo riesce però a riportarsi in avanti e, al 70’, capitalizza con Mantelli un fallo dei padroni di casa e riallunga. Siamo alle battute finali, con una direzione di gara un po’ incerta che lascia spazio a proteste. I Medicei attaccano a testa bassa alla ricerca almeno del punto di bonus ma Rovigo riesce a controllare ed il match si chiude sul 18 a 31.

DICHIARAZIONI

«La differenza tra le due squadre si è vista, lo si sapeva. Non è che noi pensavamo di fare chi sa che cosa. – sono le parole di coach Presutti a fine gara – Naturalmente si preparano le partite per giocarle e vincerle e non certo per perderle, però sono successi dei fatti che sono venuti non molto a nostro favore e abbiamo pagato la fisicità e i primi venti minuti di adattamento alla partita. La differenza tra le due squadre c’è e non stiamo a recriminare sul nulla. Non abbiamo mai mollato e cercato sempre di controbattere all’offensività del Rovigo. Forse potevamo sfruttare meglio un momento un po’ più delicato della partita, con un po’ più di fortuna e di attenzione, ma non abbiamo niente da recriminare. Diciamo bravi ai ragazzi che hanno lottato fino alla fine e va bene. Partita dopo partita stiamo migliorando e anche in mischia chiusa a un certo momento della del match ci siamo stati… un trentuno a diciotto contro il Rovigo ci sta ampiamente».

Firenze, Ruffino Stadium “Mario Lodigiani” – sabato 2 dicembre

Eccellenza, VIII giornata

Toscana Aeroporti I Medicei v Femi-CZ Rugby Rovigo Delta 18 – 31  (8-21)

Marcatori: p.t. 7’ Majstorovic tr Mantelli (0-7); 9’ m Boccardo nt (5-7); 24’ m Odiete tr Mantelli (5-14); 32’ cp Newton (8-14); 38’ m Cioffi tr Mantelli (8-21); s.t.  44’ m punizione Rovigo (8-28); 46’ m Boccardo tr Newton (15-28); 60’ cp Newton 18-28; 69’ cp Mantelli 18-31.

Toscana Aeroporti I Medicei: Basson; Lubian, Rodwell, McCann, Morsellino (8’ Cornelli); Newton, Fusco; Greeff, Boccardo, Brancoli (60’ Chianucci); Montauriol, Maran (cap.) (11’ Cemicetti); Montivero (51’ Battisti), Baruffaldi (74’ Corbetta), Schiavon (60’ Cesareo).

All. Presutti, Basson

FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta: Odiete; Barion, Majstorovic, Van Niekerk (79’ Biffi), Cioffi; Mantelli, Chillon; Ferro (cap.) (56’ Zanini), Lubian, De Marchi; Parker (58’ Boggiani), Ortis; D’Amico (79’ Cadorini), Momberg (79’ Balboni), Brugnara.

All. McDonnell, Casellato

Arb. Rizzo (Ferrara)

AA1 Angelucci (Livorno), AA2 Giovanelli (La Spezia)

Quarto Uomo Masetti (Arezzo).

Cartellini:

Calciatori: Newton (Toscana Aeroporti I Medicei) 3/4; Mantelli (FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta) 5/5.

Note: giornata nuvolosa, temperatura 8°, campo in buone condizioni. Spettatori 1100.

Punti conquistati in classifica: Toscana Aeroporti I Medicei 0; FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta 5

Ruffino Man of the Match: Chillon (FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta).

Jacopo Gramigni – Gianni Savia – Stefano Bartoloni – Ph. Leonardo Bianchi