I Medicei sconfitti di misura dal Valorugby in Coppa Italia

Come all’andata, alternanza del risultato per tutta la partita, ma questa volta la spuntano i diavoli di Manghi

Firenze – Anche questa quarta giornata di Coppa Italia ha regalato molte emozioni ha chi ha seguito il match di ritorno tra Toscana Aeroporti I Medicei e Valorugby Emilia. Come nell’ultimo turno di andata, che ha visto contrapposte le due squadre una settimana fa, nessuno si è risparmiato ed è stata lotta dura fino alla fine. Questa volta il XV emiliano ha avuto la meglio. Un vantaggio risicato, 3 punti che ha permesso alla squadra di Manghi di riportarsi di un punto avanti in classifica rispetto ai gigliati. Qualche disattenzione della squadra fiorentina nei momenti che avrebbero potuto dare una svolta alla gara hanno compromesso il rendimento in un match comunque giocato a viso aperto e alla pari con una delle migliori squadre di TOP12.

I Medicei hanno difeso con vigore e hanno ha reagito alle iniziative offensive della squadra di casa colpo su colpo. Dopo una prima fase di sofferenza si sono riportati in profondità nella metà campo avversaria ritagliandosi importanti occasioni da meta. Una prima concretizzata su mischia al finire del primo tempo su drive avanzante finalizzato da Cerioni e la seconda sui trequarti realizzata da Cornelli su una bellissima giocata a innescare il break da 40 metri di McCann a cui hanno dato continuità le buone mani di Rodwell e Greef. Se un pò di amaro in bocca è rimasto ai biancoargentorossi per il risultato finale, per contro una sconfitta palesata in questi termini non intacca la consapevolezza delle loro potenzialità.

INTERVISTA A COACH PRESUTTI A FINE GARA di Stefano Bartoloni

Pasquale Presutti, una buona prova de I Medicei, manca sempre qualcosa per portare a casa il risultato pieno.

Questo è uno dei nostri problemi, è un discorso di maturità. Ci manca ancora qualcosina per arrivare alla situazione giusta. Lottiamo, giochiamo alla pari con tutti e poi commettiamo qualche errore o qualche svarione che non ci dà la soddisfazione della vittoria. Però la squadra c’è, resta il rammarico di un’occasione persa.

Abbiamo visto delle buone trame offensive. Qualche scelta forse poteva essere diversa, e poi qualche indecisione come su tre calci di inizio nel primo tempo recuperati dai nostri avversari. Forse una fase di gioco dove c’è da rivedere qualcosa?

Mah diciamo che la loro ala è molto brava e veniva a recuperare i palloni anticipandoci pur essendo noi nella corretta posizione e dimostrando un’ottima intesa da parte loro. Da parte nostra forse qualche occasione potevamo sfruttarla diversamente. Potevamo piazzare un calcio ed andare sul 21 pari ma non l’abbiamo fatto e abbiamo cercato la touche per provare a vincere e poi non siamo riusciti a concretizzare… Diciamo che noi commettiamo ancora errori che non dobbiamo commettere se vogliamo giocare a buoni livelli. Non si può andare due volte in touche a 5 m dalla meta avversaria e non concludere nulla. Non colpevolizziamo nessuno ma due palloni persi in quelle condizioni bruciano abbastanza.

Abbiamo visto comunque una bella reazione. L’uno/due del Valorugby nel primo tempo con due mete in cinque minuti poteva stendere qualsiasi squadra invece I Medicei hanno reagito si sono portati poi nel secondo tempo in vantaggio. Peccato per l’esito finale.

Sul 14 a 3 poteva sembrare una giornata un po’ difficoltosa poi abbiamo ripreso in mano la partita. Abbiamo giocato, abbiamo avuto un ottimo possesso però come ho detto prima noi commettiamo degli errori che gli altri non commettono. Due tenuti a 4 m dall’area di meta oppure abbiamo perso due palloni a 2/3 m dalla meta loro… Dobbiamo lavorare insistere e migliorare. Miglioramento sia a livello individuale che collettivo. Si vince e si perde in 23.

Siamo stati comunque al pari dei primi della classe e domenica prossima in casa nostra avremo il Petrarca Padova, i primi del campionato. Abbiamo dimostrato di poter lottare con tutti e quindi anche quella sarà una partita apertissima.

Giocheremo con quella che è sicuramente la squadra che fino ad adesso ha dimostrato di essere la migliore. Noi siamo competitivi non dico mica di no, però il problema nostro è sempre quello, prendiamo più calci della squadra avversaria, prendiamo cartellini gialli. C’era o non c’era ma comunque anche oggi l’abbiamo preso, e poi perdiamo giocatori nei momenti chiave della partita e nei momenti chiave della partita commettiamo errori dovuti all’inesperienza. 

Reggio Emilia, Stadio “Crocetta” Canalina – domenica 16 dicembre 2018 

COPPA ITALIA 2018/2019 – IV Giornata

Valorugby Emilia v Toscana Aeroporti I Medicei 21-18 (14-8)

Marcatori: p.t. 8’ cp Newton (0-3), 9’ m. Ngaluafe tr Farolini (7-3), 13’ m. Marzocchi tr Farolini (14-3), 28’ m. Cerioni (14-8); s.t. 2’ cp Newton (14-11), 48’ m. Cornelli tr Newton (14-18), 62’ Du Plessis tr Farolini (21-18)

Valorugby Emilia: Farolini (Cap); Costella, Mazzocchi, Vaega, Ngaluafe; Rodriguez, Panunzi; Amenta, Favaro, Mordacci; Du Preez (56’ Balsemin), Dell’Acqua; Du Plessis, Gatti, Quaranta. All. Manghi

Toscana Aeroporti I Medicei: Cornelli; McCann, Rodwell (50’Lupini), Cerioni (cap), Biffi (23’ Mattoccia); Newton, Esteki (45’ Rorato); Greef, Chianucci (42’Boccardo), Cosi; Grobler, Minto; Battisti (44’ Montivero), Giovanchelli (44’ Broglia), De Marchi (44’ Schiavon). 

All. Presutti, Basson

Arb. Federico Boraso (Rovigo) 

AA1 Stefano Pennè (Lodi), AA2 Francesco Crepaldi (Milano) 

Quarto Uomo: Gianluca Farinelli (Reggio Emilia)

Calciatori: Farolini (Valorugby Emilia) 3/3, Newton (Toscana Aeroporti I Medicei) 3/4

Cartellini: 70’ giallo a Montivero

Note: Giornata nuvolosa e fredda.  Spettatori 600 circa.

Punti conquistati in classifica: Valorugby Emilia 4, Toscana Aeroporti I Medicei 1

Man of the Match: Nicolò Quaranta (Valorugby Emilia)

Coppa Italia, Girone 2:

Rugby Viadana 1970 v S.S. Lazio Rugby 1927 47-15 (5-0)

Valorugby Emilia v Toscana Aeroporti I Medicei 21-18 (4-1)

Classifica Girone 2:

Rugby Viadana 1970 14; Valorugby Emilia 13; Toscana Aeroporti I Medicei 11; S.S. Lazio Rugby 1927 1

Jacopo Gramigni – Gianni Savia – Stefano Bartoloni – Ph. Ufficio Stampa Valorugby