Prova maiuscola della Toscana Aeroporti I Medicei a Verona che si impone 33 a 17

Controllato lo svantaggio iniziale, nella ripresa i gigliati staccano gli avversari

Verona – Vittoria di grande importanza per la Toscana Aeroporti I Medicei quella conquistata sul campo del Verona Rugby nel posticipo domenicale della settima di TOP12. Finisce 17 a 33 a favore dei ragazzi di Presutti e Basson che dopo un iniziale svantaggio hanno preso le redini della partita e nel secondo tempo hanno avuto il sopravvento sugli avversari. Ogni reparto ha risposto ottimamente sia in difesa che in attacco. Avanti e trequarti hanno garantito solidità nelle fasi statiche e dinamismo nel gioco aperto, una combinazione che alla lunga ha messo le spalle al muro agli avversari.

La squadra sembra andare nella giusta direzione, sempre più capace di esprimere il suo valore. Una potenzialità che si concretizza passando anche per i singoli. Nell’incontro di oggi molti i fattori di traino, dalle capacità offensive di Cornelli, oggi man of the match e realizzatore di ben 3 mete, al ritmo imposto in mediana da Esteki per passare alle intuizioni in velocità di Lupini abbinate all’argine difensivo tracciato dai vari De Marchi, Giovanchelli e Minto. Se a tutto questo si abbina la costanza di rendimento di sicurezze come Newton e Greef, anche oggi al top, il livello delle prestazioni gigliate come quella di oggi sono a maggior ragione legittimate.

LA CRONACA

Inizio veemente de I Medicei che tentano di bucare la linea scaligera con un mix di penetrazioni ed allargamenti del gioco. Subito in evidenza Greeff che mette in luce le sue doti di scardinatore. Il pallone finisce in avanti e Verona allontana. Dal touch perso dai fiorentini, un inserimento veloce brucia la difesa e soffiato sposta subito il tabellino a favore dei padroni di casa: al 6’ è 7-0. I Medicei tornano nei 22 veronesi con un bel calcio di Biffi. Il lancio è storto, è mischia. Vinta, si giocano due-tre fasi ma il calcetto a scavalcare viene recuperato ed annullato: 22 m.

I Medicei gestiscono il gioco e Verona, quando recupera,  li costringe a ripartire da dietro con il piede. Siamo al 15’, Verona trova un intervallo per attaccare ma la gestione del pallone è scarsa e Biffi intercetta col piede e spedisce il pallone in profondità. Cornelli lascia sul posto una difesa in affanno e schiaccia, Newton pareggia.

Verona continua ad affidarsi al gioco al piede ma la misura dei calci è spesso errata ed i fiorentini hanno buon gioco a spingersi in campo veronese.

Un pasticcio in un touch in attacco porta a Verona un calcio a metà campo. Il tentativo per i pali è un po’ avventuroso ma consente ai padroni di casa di rimanere nel campo mediceo. La difesa non fa sconti, recupera il possesso e riporta avanti il gioco. La seconda meta de I Medicei nasce da un touch sbagliato. Newton recupera e con un pop stretto scatena la velocità di Rodwell che viene agguantato ad un palmo dalla meta, ruck, vantaggio per i fiorentini con la palla che viaggia veloce verso l’ala dove Lupini è pronto. Trasformazione di Newton ed è 7-14. La linea difensiva de I Medicei è in grande spolvero e controlla le iniziative dei veronesi, che insistono con il gioco al piede. Da un touch su 5 m dei fiorentini, rubano il pallone ed ottengono anche n calcio che McKinney spedisce per i pali. 32’, 10-14. Il touch mediceo non funziona, al 34’ sono già 5 i palloni rubati dai veronesi, ma il pacchetto lavora bene e recupera. Il pallone sembra viscido e costringe Newton a far sfoggio di un bella manualità per non concedere una mischia. Siamo in chiusura di tempo e Verona sfida I Medicei con un penaltouch sui 5 m. Tante fasi, ma la difesa è attenta e dopo un numero infinito di fasi, costringe Cittadini ad un tenuto e con Maran recupera l’ovale. Il primo tempo si chiude sul 10-14. Bene I Medicei nel gioco aperto ed in mischia, da rivedere il gioco in touch, che ha consentito ai veronesi di restare agganciati nel punteggio.

Il secondo tempo si apre con un mark chiamato da Newton, un recupero difficilissimo senza vedere il pallone. Buon lavoro di mani de I Medicei su un pallone recuperato. Tanti passaggi veloci per far arrivare il pallone a Biffi, che si invola per segnare al 4’. Steely Dan Newton non perdona, è 10 a 21. Si infortuna il n. 8 veronese che deve lasciare il campo, mentre De Marchi continua a dedicare le sue attenzioni a Cittadini.

Cambi per i veronesi e cambio in prima linea anche per I Medicei, entrano Schiavon e Montivero, al debutto nel Top12 dopo l’infortunio e l’intervento al collo. Buono il lavoro del pacchetto biancoargentorosso. È entrato anche Rorato. I Medicei gestiscono il possesso, con qualche errore di troppo, ma quando riescono a dare continuità non perdonano: due cambi di fronte e Cornelli trova lo spunto per andare a segnare. Con la trasformazione di Newton (4/4), si a sul 10-28 al 62’. È la quarta meta. Tanti cambi per Verona. I nuovi entrati sembrano riportare brio al gioco e Verona si riaffaccia nel campo mediceo, trovando anche lo spunto per arrivare vicino alla linea di meta. Un calcio concesso un po’ scioccamente permette a I Medicei di allontanare. Siamo al 76’ e Cornelli segna la sua terza meta personale. Greeff parte da una mischia da metà campo e crea una voragine nella difesa. Rorato e Cornelli seminano il panico ed i veronesi si salvano con affanno. Dal ruck, mal difeso, Cornelli va a schiacciare. Per una volta Newton non trova i pali ed è 10–33. I Medicei giocano ora con scioltezza ma, da un errore di trasmissione, nasce la meta di Verona, con Buondonno che intercetta sui propri 22 e si invola in un costa a costa. Con la trasformazione di Mortali, si va sul 17 a 33 che chiuderà il match. Volano ancora le maglie de I Medicei nel cielo di Verona.

INTERVISTA A COACH PRESUTTI A FINE GARA di Stefano Bartoloni

Pasquale Presutti, una vittoria importante per I Medicei, cinque punti d’oro per la classifica.

Molto importante. Io personalmente, ed anche i ragazzi, tenevamo molto a questa partita. Nelle altre occasioni non siamo stati molto fortunati. Abbiamo perso ed i punti in classifica non rispecchiano molto quello che abbiamo fatto, però li prendiamo. Quella di oggi era una partita che doveva darci qualcosa a livello mentale, per stare tranquilli, lavorare e stare su questa strada. Lo abbiamo fatto, senza grossi patemi d’animo. Abbiamo sofferto abbastanza in touch, abbiamo sofferto un po’ nel primo tempo, siamo stati anche svantaggati inizialmente con un sette a zero per loro che poteva un po’ complicarci, però con la testa siamo stati lucidi ed abbiamo fatto quello che dovevamo fare.

Una partita di sostanza ma anche di qualità. Abbiamo visto tante ottime azioni, bei ricicli, un bel gioco alla mano ed anche delle ottime mete.

Sì, abbiamo costruito anche qualche bella azione. A volte forse pecchiamo di volerle costruire troppo e invece dovremmo accontentarci, però le nostre mete sono di bella fattura. Un bravo ai ragazzi. Ci godiamo questo bel fine settimana. Tra ieri ed oggi, gioia e serenità e speriamo che sia così anche in futuro.

Verona, Payanini Rugby Center – Domenica 11.11.2018

Top 12 VII GIORNATA

Verona Rugby v Toscana Aeroporti I Medicei 17 – 33 (10-14)

Marcatori: p.t. 6’ m. Soffiato t. McKinney (7-0), 15’ m. Cornelli t. Newton (7-7), 25’ m. Lupini t. Newton (7-14), 31’ p. McKinney (10-14) s.t. 44’ m. Biffi t. Newton (10-21), 60’ m. Cornelli t. Newton (10-28), 72’ m. Cornelli (10-33), 80’ m. Buondonno t. Mortali (17-33)

Verona Rugby: Conor; Buondonno, Pavan (68’ Zanon), Quintieri, Geronazzo; McKinney (47’ Mortali), Soffiato (60’ Di Tota); Zanini (65’ Spinelli), Salvetti (cap), Zago; Groenewald (70’ Signore), Mountariol; Cittadini (62’ D’Agostino), Delfino (62’ Girelli), Lastra Masotti ( 62’ Rizzelli)

All. Zanichelli

Toscana Aeroporti I Medicei: Biffi; Cornelli, Lupini, Rodwell (76’ Mattoccia), McCann; Newton, Esteki (54’ Rorato); Greef, Boccardo (68’ Brancoli), Cosi; Minto, Maran (cap) (75’ Cemicetti); Battisti (54’ Montivero), Giovanchelli (75’ Broglia), De Marchi (54’ Schiavon).

All. Presutti, Basson

Arb.:  Piardi (Brescia)

AA1: Boaretto (Rovigo) AA2: Imbriaco (Bologna)

Quarto Uomo: Rebuschi (Rovigo)

Cartellini: –

Calciatori: McKinney (Verona Rugby) 2/2, Mortali 1/1, Buondonno 0/1; Newton (I Medicei) 4/5

Note: giornata grigia e coperta, con circa 15 gradi, terreno in perfette condizioni.

Spettatori: 500

Punti conquistati in classifica: Verona Rugby 0 ; I Medicei 5

Man of the of the Match: Cornelli (I Medicei)

TOP12 – VII giornata – 11.11.18 

Lazio Rugby 1927 v Mogliano Rugby 1969 22-33 (0-5)

Verona Rugby v Toscana Aeroporti I Medicei 17-33 (0-5)

Argos Petrarca Padova v Kawasaki Robot Calvisano 23-18 (4-1)

Valsugana Rugby Padova v Femi-CZ Rovigo 17-21 (1-4)

Lafert San Donà v ValoRugby Emilia 12-19 (1-4)

Rugby Viadana 1970 v Fiamme Oro Roma 27-14 (4-0)

Classifica: Argos Petrarca Padova 29; Valorugby Emilia 25; Mogliano Rugby 1969 24; Fiamme Oro Rugby e Kawasaki Robot Calvisano 23; Femi-CZ Rovigo e Rugby Viadana 19; Toscana Aeroporti I Medicei 15; Lazio Rugby 1927 e Lafert San Donà 10; Verona Rugby 5; Valsugana Rugby Padova 3

TOP12 – VIII giornata – 18.11.18 – ore 15.00

Mogliano Rugby 1969 v Argos Petrarca Padova

Valorugby Emilia v Lazio Rugby 1927

Toscana Aeroporti I Medicei v Lafert San Donà

Fiamme Oro Rugby v Verona Rugby

Valsugana Rugby Padova v Rugby Viadana 1970

Kawasaki Robot Calvisano v Femi-CZ Rovigo

Jacopo Gramigni – Gianni Savia – Stefano Bartoloni – Ph. Ufficio Stampa Verona