Toscana Aeroporti I Medicei ancora prima: anche l’Accademia deve cedere a Firenze

Prova di maturità della squadra gigliata che recupera e vince sul filo di lana

Firenze – Nella seconda giornata di ritorno della poule promozione Toscana Aeroporti I Medicei ha vinto in extremis contro l’Accademia Francescato per 26 a 24 tra le mura amiche del Ruffino Stadium Mario Lodigiani una delle partite più impegnative ed emozionanti della stagione e ha mantenuto la testa della classifica. È stato il pallone calciato dal Ruffino Man of the Match Newton che sfila tra i pali negli ultimi minuti di gioco dando la vittoria a I Medicei dopo la sofferta meta del pareggio di Cesareo, uno dei momenti indelebili di questa bellissima partita. La vittoria è arrivata dopo 80’ di lotta estenuante contro una squadra preparata dal punto di vista fisico e scesa in campo determinata a riscattare la sconfitta subita all’andata.

Il livello dello scontro è stato altissimo, da entrambe le parti sono emerse le doti dei placcatori più duri come il capitano biancoargentorosso Ippolito – nominato Placcatore del Match – e ci sono state anche conseguenze sul fronte infortuni come per la terza Cosi costretto ad abbandonare il campo. L’alternanza nel risultato e la posta in gioco hanno fatto il resto e il coinvolgimento sugli spalti è andato alle stelle. Da segnalare l’atteso rientro di Lubian tra i tre quarti con Rios anche in questo match chiamato dar manforte a la buona prova di Cerioni a estremo.

LA CRONACA

Partita molto insidiosa, quella in programma al Ruffino Stadium Mario Lodigiani, tra I Medicei e l’Accademia N. I. Francescato. La giovane formazione accademica è in rilancio dopo un inizio stentato nella Poule Promozione 1 ed oggi, potendo contare su tutti i nazionali under 20 al rientro dopo il 6 Nazioni di categoria, cercherà di mettere in pericolo l’imbattibilità casalinga de I Medicei che, dal canto loro, presentano ancora una formazione rimaneggiata per i numerosi infortunati ma hanno dalla loro l’entusiasmo per la bella vittoria esterna a L’Aquila.

Prima occasione dopo poco più di un minuto. Per un errore tra gli accademici, D’Andrea brucia la difesa e solo un tocco millimetrico della linea di touch impedisce la segnatura. Si infortuna il centro accademico Vaccari, sostituito da Quintieri. Prima mischia dominata de I Medicei, che ottengono un calcio diretto ma sugli sviluppi perdono Cosi, che deve uscire al 10’, sostituito da Bottacci. I Medicei mantengono la pressione e non riescono a segnare in un paio di occasioni per eccesso di precipitazione. Al 14’ un piazzato di Cornelli porta in vantaggio gli ospiti, al quale replica subito Newton per il pareggio. Al 20’ un’incomprensione nella linea medicea lascia uno spazio che Licata è bravo a sfruttare per la meta, trasformata, del 3 a 10. La partita è molto spigolosa. Subito dopo sono I Medicei a portarsi in campo avversario. Con una serie di penaltouch rubano il campo agli ospiti. Da un touch vinto bene 5 m organizzano un bel maul dal quale parte Broglia, fermato ad una spanna. Raccoglie dalla base Furia, che segna per il pareggio. Al 35’ Newton porta in vantaggio I Medicei e la partita sembra incanalarsi sui giusti binari. Subito dopo, però, è l’Acccademia a rendersi pericolosa. Da un penaltouch, buon avanzamento ma la palla non viene schiacciata. Una giocata dalla mischia, però, manda Cornelli in meta ul lato opposto del campo e, con la trasformazione dello stesso, c’è il controsorpasso, 13-17. Sullla ripartenza, la linea accademica si fa pescare in fuorigioco. Newton piazza per il 16 a 17 che chiude il tempo.

Il secondo tempo inizia con un penaltouch de I Medicei dentro i 22. Una serie di trame offensive vengono fermate con irregolarità dagli accademici che se la cavano sempre con dei richiami fino all’ennesima scorrettezza, stavolta di Bianchi, che viene spedito fuori per 10 minuti. L’Accademia però gioca bene l’inferiorità, mantenendo il possesso. I Medicei cercano di alzare il ritmo e ottengono, dopo una serie di percussioni, un calcio sui 22 accademici. Newton non sbaglia e porta in vantaggio i padroni di casa, 19-17 al 20’. È una fase in cui gioco rimane in campo accademico. L’Accademia cerca di rompere l’assedio ma non conquista metri finché sul primo capovolgimento, i Medicei concedono una meta facile: una disattenzione delle guardie in un raggruppamento lascia libero Wrubl che attacca in profondità e manda D’Onoifrio a segnare. Al 26’ Cornelli trasforma per 1l 19 a 24. I padroni di casa si riportano avanti e costringono ancora al fallo gli accademici. Si decide di sfruttare il penalty per i pali ma la palla stavolta non entra. Siamo ai minuti finali ed I Medicei assaltano all’arma bianca. Logi lanciato in meta viene fermato con un placcaggio alto. Il sig. Bertelli torna sul vantaggio e si va a combattere davvero sulla linea di meta accademica. Finalmente, dopo tanti attacchi, Cesareo segna. Newton stavolta, malgrado l’azione di disturbo degli ospiti, trasforma per il 26 a 24. Ora è l’Accademia a cercare di riportarsi avanti ma la mischia medicea ottiene un calcio diretto e si torna avanti a giocare avanti. Siamo agli ultimi secondi del match e i ragazzi di Presutti e Martin sono bravi a tenere il pallone nel raggruppamento, fino al fischio finale del direttore di gara che libera i festeggiamenti de I Medicei, che oggi hanno creduto fino alla fine alla vittoria e l’hanno saputa conquistare grazie alla maturità del gruppo.

Firenze, Ruffino Stadium “Mario Lodigiani” – domenica 2 aprile 2017

Toscana Aeroporti I Medicei v Accademia Nazionale I. Francescato 26-24  (16-17)

Marcatori: p.t. 14 cp Cornelli (Accademia) 0-3, 17’ cp Newton (I Medicei) 3-3, 20’ m Licata (Accademia, tr Cornelli 3-10, 27’ m Furia (I Medicei), tr Newton 10-10, 35’ cp Newton (I Medicei) 13-10, 40’ m Cornelli (Accademia), tr Cornelli 13- 17, 40’ cp Newton 16-17; s.t. 19’ cp Newton (I Medicei) 19-17, 26’ st m D’Onofrio (Accademia), tr Cornelli 19-24, 38’ st m Cesareo (I Medicei), tr Newton 26-24.

 

Toscana Aeroporti I Medicei: Cerioni, Lubian, Rodwell, D’Andrea (11’ st Rios), Reale (11’ st Logi), Newton, Apperley, Cosi (10’ Bottacci), Boccardo, Meyer, Ippolito (c), Savia, Battisti (28’ st Bigoni), Broglia (28’ st Fanelli), Furia (28’ st Cesareo).

A disposizione: 19 Biagini, 21 Taddei.

All. Presutti, Martin

Accademia N. I. Francescato: 15 Cornelli, 14 De Masi, 13 Vaccari (5’ Quintieri), 12 Forcucci, 11 D’Onofrio, 10 Rizzi, 9 Panunzi (1’ st Casilio), 8 Licata, 7 Mordacci, 6 Bianchi, 5 Blessano (15’ st Ghigo), 4 Wrubl, 3 Mancini Parri, 2 Luccardi, Fischetti (18’ Braggiè).

A disposizione: 16 Testa, 18 Gavrilita, 19 Romano, 23 Arcadipane.

All. Roselli, Moretti

Arb. Bertelli

Cartellini: 12’ giallo Furia (I Medicei), 12’ giallo Rizzi (Accademia); 7’ st giallo Bianchi (Accademia),

Calciatori: Newton (Toscana Aeroporti I Medicei) 6/7; Cornelli (Accademia) 4/4

Note: alternanza di pioggia e schiarite con circa 19 gradi. Campo in ottime condizioni. Circa 900 spettatori presenti

Punti conquistati in classifica: Toscana Aeroporti I Medicei 4; Accademia N. I. Francescato 1.

Ruffino Man of the match: Newton (I Medicei)

La classifica:

Toscana Aeroporti I Medicei 26

L’Aquila 25

Pro Recco 24

Accademia N. I. Francescato 17

Benevento 10

Primavera 0

Jacopo Gramigni – Gianni Savia – Ph. Bess Melendez