U18: Fasi Finali Nazionali, emozione e indisciplina frenano I Medicei

Sconfitta di misura a Roma nella prima giornata della volata per lo scudetto

L’Under 18 a Roma – Ph. Marco Metti

Roma – Si è tradotta in un finale amaro la prima partita della fase finale scudetto per la Under 18 Elite di Toscana Aeroporti I Medicei che si è vista sfuggire la vittoria a pochi secondi dalla fine dell’incontro, per un fallo veniale commesso nei 22 che ha permesso ai romani di chiudere con un calcio piazzato superando di due punti i biancoargentorossi.
Partita grintosa che ha entusiasmato tutti i tifosi presenti e ha confermato il valore dei ragazzi di Sorrentino e Falleri; peccato per qualche episodio di indisciplina, dettato sicuramente dal nervosismo e dalla difficoltà a capire il metro della terna arbitrale che, nel finale, ha compromesso un incontro giocato sempre sul filo del rasoio con la Roma Legio Invicta XV; nulla è deciso ancora, solo il cammino sarà più in salita del previsto.
Il punto bonus difensivo conquistato potrebbe alla fine risultare fondamentale per la classifica finale.
CRONACA
Si inizia contratti, non è mai facile giocare a Roma e in casa delle Fiamme Oro in particolare; i gigliati accettano il gioco fisico dei romani e soffrono i primi 10 minuti ma riescono a guadagnare un calcio di punizione con Del Bono che purtroppo, complice il forte vento contrario, batte sulla traversa e torna in campo.
I fiorentini però non demordono e pochi minuti più tardi, con un’ottima apertura di Biagini, l’ovale corre lungo tutta la linea d’attacco e su passaggio veloce di Pesci, Nannini schiaccia in meta. La posizione angolata e il forte vento non permettono la trasformazione (0-5).
Si riparte con Legio in attacco e la pressione romana si fa sentire. Da un touch vinto nei 5mt medicei, il pack romano entra in meta di potenza (tr 7-5). I toscani non ci stanno e ripartono con un bel gioco aperto che porta Chiti  in meta per la seconda segnatura medicea (nt 7-10).
Il gioco si fa più veloce e, da un errore in difesa dei gigliati, i romani guadagnano un touch che vincono e dal quale riescono a segnare per la seconda volta (tr 14-10), proprio allo scadere del tempo.

Si riparte da dove si era finito il primo tempo. I Medicei attaccano e i romani si chiudono in difesa tentando di sorprendere i gigliati sui punti d’incontro; da un “tenuto” dubbio parte l’attacco romano che Chiti interrompe con una bella “francesina” interpretata come irregolare dall’assistente di linea, decisione che ci costa un giallo e costringe i gigliati a giocare in inferiorità nel momento più intenso della partita, a 12 minuti dalla fine; la percussione gigliata è continua ma i romani difendono bene e il gioco non si sblocca finché, da un ruck ben giocato dai gigliati, Frangini sfonda la difesa romana e schiaccia sul palo ma l’arbitro su suggerimento dell’assistente opposto non convalida; benché in inferiorità numerica i fiorentini continuano in attacco e da una bella apertura di Biagini, Del Bono dribbla tre avversari e schiaccia in meta (nt 14-15).
Sembra fatta, mancano oramai spiccioli di tempo e i gigliati riescono a intercettare il calcio di rinvio e tenere ma i romani spingono e, su un punto d’incontro nei propri ventidue, un’entrata laterale dei fiorentini costa la punizione contro che i romani indirizzano tra i pali per il sorpasso definitivo (17-15).
L’incontro si conclude con l’amaro in bocca per aver perso segnando più mete degli avversari e per la consapevolezza che la partita era sicuramente alla portata ma per ora niente è compromesso; serva da lezione, queste sono le fasi finali scudetto, non sono ammesse indiscipline.

Roma Legio Invicta XV v Toscana Aeroporti I Medicei 17- 15 (14-10)
Roma Legio Invicta XV: Nasello, Auriemma, Valsecchi, Salvatori, Di Giammarco, Crea, Loffari, Tiberi, Castelnuovo, Hull, Asoli A., Terribili, Boccia, Trivilino, Lucente, Ceccotti, Nicita, Orlandi, Costantini, Asoli V., Gigli, Milardi.
All. Cinti
Toscana Aeroporti I Medicei: Biagini, Chiti R., Ciampi (Sorrentino), Del Bono, Di Puccio, Ferrazza, Fialà (Cardoso), Frangini, Krifi (Bonaccorsi), Mannelli, Metti L, Nannini, Pesci, Pracchia, Querci, Sassi (Migliori), Sestini, Soro
AllSorrentino

emmemme – Ph. Marco Metti