Under 18: per i Medicei sfuma il sogno della finale

La Capitolina si aggiudica il match decisivo al Ruffino Stadium

La_grande_famiglia_medicea_foto_Paolo_MatteoniCampionato Under 18 Elite – 3° Giornata di ritorno – Fase nazionale

Toscana Aeroporti I Medicei R.C. – Unione Rugby Capitolina: 12 – 22 (p.t. 12 – 12)

Marcatori: 9′ m Landini tr Reale (7-0); 12′ m Capitolina tr (7-7); 16′ m Bianchi nt (12-7); 25′ m Capitolina nt (12-12); 6’st m Capitolina nt (12-17); 31′ m Capitolina nt (12-22)

Toscana Aeroporti I Medicei R.C.: Reale (Pellegrino), Cocchi (Fissi), D’Aliesio, Bartoli, Magnelli, Landini, Matteoni, Bianchi, Chianucci, Michelagnoli (Gentili), Biagini (Cap.), Di Donna, Panerai, Mancini Parri, Mariottini (Loreto) – A disp. Gasparri, Venturi, Bacci –  Allenatore: Sorrentino

Firenze, 23 maggio 2016 – Mentre nel girone 1 i giochi per l’accesso alla finale scudetto sono già fatti a favore del Rugby Rovigo, nel girone 2 si decide tutto all’ultima giornata al Ruffino Stadium Mario Lodigiani con il match fra le formazioni che occupano le prime due posizioni: l’Unione Rugby Capitolina, prima in classifica, ed i Medicei, distanziati di soli due punti. I ragazzi di Sorrentino sono decisi a giocarsi il tutto per tutto fra le mura di casa contro la corazzata romana e con un partenza grintosa mettono in difficoltà gli avversari già sul calcio d’inizio, ma la meta sfugge per un rimbalzo maligno.

La pressione biancoargentorossa, sostenuta sulle gradinate dal pubblico delle grandi occasioni, costringe gli ospiti nella propria metà campo. Al 9′ Landini trova il varco giusto e porta in vantaggio i Medicei, che con la trasformazione di Reale vanno sul 7 a 0.

La reazione dei romani non tarda ad arrivare e già al 12′ gli ospiti raggiungono il pareggio. Con gli slanci dei trequarti gigliati ingabbiati dalla difesa capitolina, la mischia toscana approfitta di una touch nei ventidue avversari e innesca una maul finalizzata in meta da Bianchi: 12 a 7.

Le squadre si affrontano a viso aperto e ribattono colpo su colpo, tanto che al 25′ arriva ancora il pareggio degli ospiti e si va al riposo sul 12 a 12.

Nel secondo tempo il match è ancora equilibrato, ma al 5′ i Medicei vanno in inferiorità numerica per un cartellino giallo e la Capitolina non si fa sfuggire l’occasione per passare in vantaggio. E’ il momento più difficile per i toscani che però riescono a tenere botta e pian piano riprendono coraggio e costringono sulla difensiva l’avversario, sfiorando la meta in almeno un paio d’occasioni.

Al 30′ un’azione tambureggiante dei Medicei giunge ancora a pochi centimetri dalla linea di meta; potrebbe essere la segnatura che ribalta l’incontro ma la difesa capitolina riesce a neutralizzare l’assalto dei padroni di casa e sul successivo rovesciamento di fronte sono proprio i romani ad andare a segno con un’azione a dir poco rocambolesca. Un grande cuore sospinge fino all’ultimo i padroni di casa, ma il fischio che chiude l’incontro consegna la finale scudetto alla Capitolina.

I Medicei escono a testa alta da una manifestazione che li ha visti protagonisti fino all’ultimo e nella quale, se anche non sono riusciti ad agguantare la finale, si sono conquistati il diritto a figurare fra le squadre più importanti del campionato, cedendo solo sul filo di lana a un avversario forte ed esperto come la Capitolina.

A tutti i ragazzi vanno i complimenti per l’ottima stagione. Ai loro tecnici Sorrentino e Falleri quelli aggiuntivi per aver saputo formare non solo una squadra di alto livello ma anche un gruppo di giovanissimi uomini, che ha regalato nella stagione grandi emozioni alla comunità di appassionati sportivi del Padovani e al pubblico, anche quello ospite, che ha gremito il Ruffino Stadium per quest’ultima occasione.

Elleffe – Ph.: Paolo Matteoni