tondo-rosso-126

1931 – A Firenze si inizia a giocare a rugby

Nel 1931 con il GUF Firenze viene fondata la prima squadra di rugby a Firenze ed i primi allenamenti si svolsero presso il campo di calcio dell’Autorità Militare, utilizzando una palla rotonda perchè a Firenze non si trovavano ancora i palloni ovali.


tondo-rosso-126

1932 – Prima attività a livello nazionale

Il 1932 è l’anno della prima partecipazione ai Campionati Nazionali Universitari, mentre l’anno seguente la squadra prese parte al primo Campionato Federale. In questi anni la crescita fu costante, soprattutto grazie alla guida di Vittorio Frosali, allenatore che poteva vantare una lunga militanza in vari club anglosassoni dove aveva appreso tecnica e carisma.


tondo-rosso-126

1936 – Nasce il Padovani

Si consolida l’attività associativa degli universitari fiorentini con la concessione da parte dell’Autorità Militare e il consenso del Comune di Firenze di un appezzamento di terreno al Campo di Marte dove allestire un impianto sportivo. Tra i promotori dell’opera vanno ricordati: Goffredo Giannardi, Gabriele Gardenghi, Renzo Boddi, Renzo Wiechman, Luciano Rebora. All’inizio mancava tutto: docce, spogliatoi, servizi igienici.


tondo-rosso-126

1945 – Gli universitari rugbisti si associano

Dopo l’interruzione delle attività dovuta agli eventi bellici nell’ottobre del 1945 lo studente di chimica Amato Betti, giocatore di calcio nella squadra giovanile della Fiorentina ed anche giocatore di rugby, figura popolare nell’ambito studentesco, fonda la sezione sportiva dell’Associazione Goliardica. Questo è il primo organismo rappresentativo della base universitaria riconosciuto dall’Autorità Accademica. Fin da allora collaborarono con lui Silvano Raveggi, Piccioli, Piero Focardi, Francesco Pisitti e per la parte propagandistica e di pubbliche relazioni Gavino Soro. Quest’ultimo fino alla sua morte nell’estate del 1986 rappresentò lo spirito dei “cussini” essendo il depositario di tanti ricordi, amicizie ed episodi costituenti la storia e patrimonio del CUS Firenze.


tondo-rosso-126

1946 – Da Tessari a Lodigiani passando da Sgorbati

Amato Betti è il primo presidente del CUS Firenze, con la qualifica di fiduciario al quale successero in ordine di tempo Sergio Betti, Bruno Maioli, Silvano Raveggi. Nel 1954 si insedia alla presidenza Michele Diana, che fu riconfermato per un venticinqueannio. In questi anni il Cus Firenze Rugby alterna la sua presenza tra Serie B e brevi apparizioni in Serie A. Dopo gli anni della panchina affidata a Tessari, Zelidon e Radicini arriva il salto di qualità con l’ex nazionale Eraldo Sgorbati. La guida passerà poi all’allenatore/giocatore Mario Lodigiani, quello che diventerà poi una figura mitica del rugby fiorentino anche grazie ai successi ottenuti come tecnico in Azzurro. Questo periodo storico vede le promozioni nella serie maggiore del ’56, ’59, ’64 e ’73.


tondo-rosso-126

1981 – Il settore giovanile ha una sua identità: nasce il Rugby Firenze 81

Con il Rugby Firenze 81 prende il via l’attività associativa legata al settore giovanile del movimento biancorosso legata all’attività senior del Cus Firenze Rugby. Nella sua storia venticinquennale (che si concluderà con la formazione del Firenze rugby 1931) i presidenti saranno: Gino Bellaccini, Enrico Corrado, Luciano Fortunati Rossi, Stefano Santoni.


tondo-rosso-126

1983 – Il Cus Firenze Rugby nell’elite del rugby italiano

Dopo nove anni di B arriva un traguardo storico: la promozione dell’83 con la squadra guidata dagli allenatori/giocatori Alessandro Cecioni e Paolo Ghelardi detto Ciafo. È il periodo della presidenza di Felice Vaccaro, in carica dal 1979, il Carnicelli Cus Firenze entra nel salotto buono del rugby italiano, impatta nell’alto livello e mantiene la categoria solo per una stagione.


tondo-rosso-126

1994 – Nascono I Ribolliti: l’attività old fiorentina ha un punto di riferimento

A Firenze nasce il primo club old in Toscana. Nel 1994 con alla presidenza Mario Besi inizia l’attività del Ribolliti Firenze Old Rugby Club. La squadra diventa un punto di riferimento di tanti ex giocatori ed appassionati e unisce la passione rugbistica con il volontariato sociale e goliardico in sostegno all’attività sportiva del Cus Firenze Rugby.


tondo-rosso-126

1999 – Il ritorno stabile in Serie A

Nel 1999 dopo 15 anni nelle serie inferiori il Cus Firenze Rugby con la storica promozione in Serie A della squadra allenata da Paolo Ghelardi e grazie all’apertura al semi professionismo si insedia stabilmente per gli anni a seguire nella serie maggiore.


tondo-rosso-126

2007 – Nasce il Firenze Rugby 1931

Il Firenze Rugby 1931 acquisisce l’attività senior dal CUS Firenze e l’autonomia gestionale del Padovani e unendosi al Ribolliti Firenze Old Rugby Club riesce a consolidare la sua attività associativa e di volontariato. Presidente Mario Besi e title sponsor Giunti.


tondo-rosso-126

2010 – Attività senior e giovanile sotto un’unica bandiera

Il movimento senior e quello giovanile si uniscono. Il Firenze Rugby 1931 dà vita ad un’unione sportiva con il Rugby Firenze 81 e copre tutte le categorie agonistiche dall’under 6 alla old. L’accordo tra i presidenti Besi e Santoni dà il via ad una delle società rugbistiche più importanti in Italia.


tondo-rosso-126

2011 – Il Firenze Rugby 1931 in finale promozione con Calvisano

A quattro anni dalla sua fondazione il Consiel Firenze Rugby 1931 guidato da Paolo Ghelardi raggiunge l’apice del suo crescendo sporivo qualificandosi per la finale del campionato di Serie A che perde in campo neutro a Reggio Emilia con Calvisano mancando la promozione in Eccellenza. Passaggio di testimone alla conclusione della stagione sportiva Giacomo Lucibello succede a Besi alla presidenza e fa il suo ingresso il nuovo title sponsor Aeroporto di Firenze.


tondo-rosso-126

2012 – Ghelardi lascia

Dopo 20 stagioni consecutive Ghelardi lascia la panchina biancorossa e per la stagione 2012/2013 viene designato alla sua successione Giulio Sordini, già giocatore ed assistant coach per i trequarti. Il primo giugno 2013 a margine del 7° “Torneo Giovanile Francesco Borelli lo stadio dell’impianto Padovani è intitolato a Mario Lodigiani. Presenti alla cerimonia i vertici della Federazione Italiana Rugby.


2015 – Prende vita il progetto I Medicei

Marco De Rossi è il nuovo allenatore per la stagione 2014/2015. Il Firenze Rugby 1931 parte con i migliori auspici ma si conclude la stagione con la retrocessione in Serie B. Con I Cavalieri Prato del presidente Fabrizio Tonfoni accumunati ai gigliati nella stessa sorte (retrocessione dall’Eccellenza alla Serie A) nasce un progetto condiviso con obiettivi comuni per portare il rugby di alto livello a Firenze: a giugno 2015 viene fondato il Rugby Club I Medicei con presidente Giacomo Lucibello. Il progetto sarà da subito sostenuto da Toscana Aeroporti come title sponsor e da Ruffino come main sponsor e si giocherà al Ruffino Stadium Mario Lodigiani. Oltre al Primo XV, affidato al plurititolato Pasquale Presutti con assistente l’ex nazionale Luca Martin, ne I Medicei confluiscono la Cadetta, l’Under 18 del Firenze Rugby 1931 e viene costituita una squadra Femminile senior a 15, “Le Medicee”. Vezio Fanelli passa alla presidenza del Firenze Rugby 1931 che continuerà a gestire tutto il settore giovanile.


2017 – Campioni d’Italia di Serie A e promossi in Eccellenza

La Toscana Aeroporti I Medicei alla seconda stagione di attività centra il suo obiettivo sportivo con un anno di anticipo rispetto alle previsioni. Vince il campionato laureandosi Campione d’Italia di Serie A e conquista la promozione in Eccellenza, massima serie nazionale. Un traguardo reso ancora più eclatante dalla contemporanea promozione della squadra cadetta in Serie B


2018 – I Cadetti in Serie A

Grazie alla seconda promozione consecutiva con alla guida il tecnico Daniel Lo Valvo la squadra cadetta conquista la Serie A. Il Rugby Club I Medicei si può fregiare dalla stagione 2018/2019 della prima squadra cadetta toscana in competizione in questa categoria. A dar lustro al movimento il titolo di vicecampione d’Italia per l’Under 16 del Firenze Rugby 1931 grazie alla qualificazione alla prima storica finale scudetto, poi persa dalla squadra di Semoli sul neutro di Viadana contro Treviso.


2019 – Sesti in TOP12

Nella loro seconda stagione nel massimo campionato nazionale I Medicei guidati da Presutti e Basson chiudono al sesto posto in TOP12: è il miglior piazzamento di sempre nella storia del movimento fiorentino. A rendere ancora più speciale questa stagione arriva il titolo di vicecampione d’Italia per l’Under 18 di Giuseppe Sorrentino, detto Peppe, e Marco Falleri. Anche questa una prima qualificazione alla finale scudetto di categoria, persa contro il Petrarca Padova sul neutro di Reggio Emilia.


2020 – La rinuncia al TOP12

Dopo l’interruzione del TOP12 2019-20 per le problematiche legate all’emergenza Covid-19 il Rugby Club I Medicei deve far fronte alle conseguenze economiche che hanno interessato gli sponsor. Ne deriva la rinuncia al TOP12 e l’iscrizione del suo Primo XV alla Serie A 2020-21. Viene designato come tecnico Giuseppe Sorrentino allenatore della squadra cadetta. Passaggio di consegne tra Vezio Fanelli e Marco Bartolini che sarà il quarto presidente del Firenze Rugby 1931. A 84 anni dalla fondazione l’Impianto Sportivo Padovani dopo un bando pubblico del Comune di Firenze viene assegnato in gestione pluriennale al Firenze Rugby 1931.